fbpx Skip to main content

Carrello

Pelle idratata: come mantenere l’idratazione a lungo

By 3 Febbraio 2022Cosmesi, Viso

Una pelle idratata è una pelle visibilmente luminosa, fresca e sana.

Per questo è importante mantenere l’idratazione della pelle, non solo utilizzando i prodotti giusti ma anche mettendo in pratica degli accorgimenti.

In questo articolo ti spieghiamo perché l’idratazione cutanea si perde naturalmente e come fare per mantenere la pelle idratata il più a lungo possibile.

Una pelle idratata è una pelle sana

Una pelle con un buon livello di idratazione è la base per una pelle sana. Ma perché la pelle si disidrata?

Vediamo di capire il meccanismo dell’idratazione cutanea.

La pelle è ricca di acqua nel suo strato più profondo, il derma (circa il 70%). Ne possiede invece una percentuale molto più bassa (20-35%) lo strato corneo, ossia lo strato più superficiale dell’epidermide, l’unico che si prende in considerazione quando si parla di idratazione cutanea. L’unico su cui si può intervenire con la cosmesi.

Una pelle ben idratata è data da uno strato corneo dotato di:

– un solido cemento lipidico intercorneocitario, una struttura detta “a muro cementato”, formata da ceramidi, colesterolo e acidi grassi, che svolge una naturale funzione di barriera impedendo la perdita di acqua

– molecole in grado di trattenere l’acqua per affinità chimica.

Infatti, l’acqua contenuta nella pelle si perde continuamente e naturalmente, evaporando dal derma verso lo strato corneo dell’epidermide.

Questo fenomeno è chiamato perdita di acqua transepidermica (TEWL – Transepidermal Water Loss) ed è appunto un processo fisiologico.

La disidratazione cutanea

Di per sé l’evaporazione dell’acqua non è un fenomeno negativo. Ma ci sono dei fattori che aumentano questa TEWL e che possono alterare l’equilibrio:

Fattori esogeni (o esterni/estrinseci): temperatura (freddo, calore), umidità…
Fattori endogeni (o interni/intrinseci): stress, problemi ormonali, mancanza del cemento lipidico, photoaging…

Questi fattori possono anche combinarsi tra loro.

Ad esempio, la mancanza del cemento lipidico, fattore endogeno, può dipendere anche da un fattore esogeno come il freddo. Con temperature più basse si riduce la produzione di sebo e la pelle si secca. Mancando i lipidi che compongono la barriera della pelle e che proteggono dalla TEWL, l’acqua evapora maggiormente e la pelle si disidrata.

Pelle secca e pelle disidratata, infatti, non sono la stessa cosa. Possono coesistere ma sono condizioni differenti.

La pelle secca è una condizione in cui manca sia la componente acquosa che quella lipidica del film idrolipidico. Diversamente, nel caso della pelle disidratata manca solo la componente acquosa.

La disidratazione cutanea si ha dunque quando la quota di acqua dello strato corneo scende sotto il 20%.

Una pelle disidratata è visibilmente opaca, xerotica, con perdita di elasticità e talvolta con arrossamenti. Sotto il 10% può intervenire prurito (rash cutanei) e anche dolore dovuto a fessurazioni e screpolature.

Pelle idratata più a lungo: come fare

Come puoi ridurre questa perdita di acqua e mantenere la pelle idratata il più possibile?

Ecco alcuni suggerimenti.

  • Scegli detergenti viso delicati, rispettosi del film idrolipidico e che non lascino la sensazione di “pelle che tira” al risciacquo.
  • Utilizza solo acqua tiepida per la detersione. Se utilizzi acqua troppo calda rischi di favorire la secchezza, che aumenta la TEWL e dunque la disidratazione.
  • Preferisci sieri e creme viso che contengano anche sostanze umettanti e idratanti, che trattengono l’acqua dall’umidità ambientale e dal cosmetico stesso, come ad esempio: glicerina, sorbitolo, betaina, acido ialuronico, mucillagini di origine vegetale, zuccheri… (Abbiamo dedicato un articolo a queste sostanze funzionali!)
  • Mantieni in salute la barriera della pelle. Non dimenticare di apportare anche una quota lipidica (oli, burri, cere…) per mantenere solido il cemento lipidico della pelle. Se il cemento lipidico è solido la TEWL si riduce.
  • Lascia la pelle umida dopo la detersione. Tampona semplicemente il viso ma non asciugarlo completamente. Proprio perché nei tuoi cosmetici sono presenti degli umettanti, che attirano e trattengono l’umidità, questi possono aiutarti a mantenere l’idratazione più a lungo.

Infine, non trascurare l’alimentazione e lo stile di vita. Bevi molto, segui una dieta variata, ricca di verdure e frutta, cerca di ridurre lo stress.


Speriamo che questo articolo ti sia stato utile.

Facci sapere nei commenti se utilizzi qualcuno di questi suggerimenti per mantenere la pelle idratata!

 

I nostri suggerimenti per una pelle idratata e felice

Siero Viso ProAge con Acido Ialuronico e Aloe

17,90Aggiungi al carrello

Acqua Ayurvedica ProAge Esfoliante Jati

18,50Aggiungi al carrello

Crema viso ProAge pelle secca-sensibile

17,20Aggiungi al carrello

Lascia un commento

Il coupon funziona solo per email NON già registrate in precedenza

Ricevi prima degli altri sconti, promozioni, news.

Lasciaci la tua email e ricevi subito

5 € di sconto

 

[]