fbpx Skip to main content
search
0

Detersione per affinità: cos’è e come funziona

Detersione per affinità

L’importanza della detersione per una pelle radiosa

La detersione del viso è un rituale fondamentale nella routine di bellezza di ogni persona. 

Una corretta pulizia del viso non è solo il primo passo verso una pelle luminosa e sana, ma è anche un momento di cura e attenzione verso di sé. 

Tra i vari metodi di pulizia della pelle, la detersione per affinità emerge come una tecnica particolarmente adatta per chi ha la pelle sensibile o incline a secchezza.

La pelle del viso: com’è fatta

La pelle ha una struttura a strati. L’epidermide, ossia lo strato più superficiale della pelle, è protetta da una barriera composta da acqua e lipidi: il film idrolipidico.

Questa barriera protegge la pelle dalle aggressioni esterne e su di essa si accumula lo sporco, il trucco, le impurità e lo smog.

La detersione del viso deve essere quanto più rispettosa del film idrolipidico, per mantenere inalterata l’importantissima funzione barriera.

Detersione per affinità: come funziona

La detersione per affinità, come suggerisce il nome, è un metodo di pulizia della pelle che si basa sull’uso di sostanze grasse, come gli oli o i burri vegetali, che solubilizzano a loro volta la materia grassa che è loro affine (cioè sebo, sporco, make-up, ecc…) e permettono di rimuoverla.

Dunque è un metodo di detersione in grado di rimuovere perfettamente lo sporco, lo smog, il sebo in eccesso, le impurità e il make-up che si sono depositate sul viso, rispettando l’equilibrio delicato della pelle e la sua naturale struttura.

La storia antica della detersione per affinità

La detersione per affinità non è un metodo di pulizia moderno, ma ha radici profonde nella storia. 

Infatti questa tecnica era ampiamente utilizzata nell’antichità, molto prima dell’introduzione del sapone. Civiltà antiche, come ad esempio quella romana, adottavano l’uso di oli vegetali per detergere, riconoscendo la loro capacità di rimuovere le impurità mantenendo l’equilibrio e la salute della pelle. 

La detersione per affinità è quindi una pratica testata dal tempo che oggi riscopriamo e valorizziamo.

oli vegetali

Accessori Alleati della Detersione

Per ottimizzare l’efficacia della detersione per affinità, ti consigliamo l’uso di accessori sostenibili come dischetti in bambù o spugne vegetali, come la konjac.

Questi strumenti aiutano a rimuovere efficacemente lo sporco, il trucco e impurità raccolti dall’olio. Una volta passati sul viso, poi si può risciacquare e la pelle sarà perfettamente pulita.

È sufficiente la detersione per affinità?

La detersione per affinità è sufficiente già da sola a garantire una pulizia della pelle efficace. 

Essendo un metodo delicato e rispettoso del film idrolipidico, è particolarmente indicato per le pelli secche e sensibili, arrossate, o per le persone che non tollerano i detergenti schiumogeni. Ad ogni modo è utilizzabile da ogni tipo di pelle.

Eventualmente può essere efficacemente integrata nella pratica della doppia detersione, soprattutto per chi vive in ambienti urbani o ha la pelle esposta a inquinamento e stress. In questo caso, subito dopo avere deterso con l’olio, basterà usare un detergente schiumogeno delicato, come una mousse o un gel,  e risciacquare il tutto.

Il prodotto giusto

Teoricamente qualunque olio o burro è in grado di aggregare sporco e make-up dalla pelle, tuttavia per viso e occhi è importante utilizzare cosmetici oleosi specificatamente formulati per la detersione di quelle aree e non oli vegetali o burri generici. 

Infatti i cosmetici oleosi pensati per struccare e detergere il viso essendo formulati specificatamente per questo scopo risultano ben delicati sugli occhi, il che evita che brucino o di trovarsi con una patina oleosa su di essi. 

Concludendo: la detersione per affinità, una scelta di Bellezza e Benessere

In conclusione, la detersione per affinità è una delle possibilità che abbiamo per detergere la nostra pelle in modo delicato ed efficace, rispettandone la naturale struttura.

Nonostante la sua storia antica è un metodo ancora attuale che offre un approccio alternativo alla pulizia del viso e che possiamo integrare ancora oggi nella nostra beauty routine di skincare, nel nostro percorso verso una cosmesi consapevole.

Utilizzando dei cosmetici oleosi specifici, formulati per soddisfare le esigenze delicate del viso e degli occhi, e integrando con accessori sostenibili, come dischetti in bambù o spugne konjac, possiamo massimizzare i benefici di questo metodo antico, contribuendo al contempo alla salute della nostra pelle e al rispetto dell’ambiente.

 


E tu conoscevi questo metodo di pulizia della pelle?

Utilizzi la detersione per affinità? Faccelo sapere nei commenti!

Lascia un commento

club Rasayana