Princìpi attivi derivati dalla tradizione erboristica italiana e mondiale

Nei prodotti Rasayana Biocosmesi® sono presenti anche principi attivi di origine vegetale che provengono dalla tradizione erboristica. Le piante seguenti sono studiate e utilizzate da secoli nella scienza erboristica, non solo italiana ma anche di altri Paesi del mondo. Queste piante apportano effetti benefici nei cosmetici in cui sono contenute.

ARGAN – (Argania spinosa)

L’olio di Argan è un olio spremuto a freddo dai semi della pianta di Argania Spinosa. È ricchissimo in vitamina E, antiossidante naturale, che combatte i radicali liberi e previene l’invecchiamento cutaneo.

Protegge grazie alla forte presenza di acidi grassi essenziali che riducono i danni del tempo e del sole, mantenendo l’idratazione. L’azione riparatrice e ristrutturante è data dalla presenza di insaponificabili. Dona a pelle e capelli elasticità e morbidezza, rendendoli setosi.

Rinforza le naturali protezioni, agisce da barriera e favorisce l’ossigenazione delle cellule, rendendo la pelle più idratata e vitale. Ha un’azione antisettica verso i microorganismi che possono causare infezioni cutanee.

È un olio nutriente e risulta ideale per le pelli secche, disidratate, danneggiate dagli agenti esterni o dal tempo. Ma essendo di facile assorbimento è impiegabile anche dalle pelli grasse.

Curiosità

  • Da sempre conosciuto nelle civiltà nordafricane e del deserto per le caratteristiche di olio di bellezza e di giovinezza. Era una pianta diffusa in tutto il Nord Africa ma, a causa del disboscamento insensato, la sua coltivazione si stava perdendo. Dal 1988 l’Argan è stato riconosciuto patrimonio dell’Umanità dall’Unesco. Oggi è un albero prezioso e coltivato solo in una specifica area protetta come Risorsa della Biosfera. La produzione di olio è limitata e i tradizionali metodi di raccolta e lavorazione manuale vengono conservati e preservati. Per ottenere un litro di olio sono necessari circa cento chili di noccioli e una giornata di lavoro. L’argan è una pianta longeva che può vivere anche 200 anni ma inizia a dare frutto solo dopo i 50 anni di vita. Si pensa che la pianta si riproduca solo attraverso i semi contenuti negli escrementi di capre e dromedari che ne sono ghiotti e si arrampicano sugli alberi per mangiarli.
  • La pianta di Argan protegge dalla desertificazione perché, grazie alle radici profonde, evitano che il vento possa spostare la sabbia. Inoltre porta acqua nel sottosuolo invece di lasciarla libera in superficie.

Camomilla (Camomilla Matricaria – Chamomilla recutita)

Azione calmante e lenitiva sulle pelli arrossate, screpolate e sensibili. Attenua la couperose, il rossore e le infiammazioni. Protegge dalle aggressioni esterne.

Eucalipto (Eucalyptus globulus)

Pianta balsamica per eccellenza. Ha un effetto antisettico e disinfiammante. Sui capelli agisce contro sebo in eccesso e forfora, grazie all’azione purificante. Deodora e rinfresca. Effetto energizzante e defaticante sulla pelle.

Curiosità

  • Gli aborigeni della Tasmania utilizzavano la pianta per scopi medici, soprattutto per le proprietà antifebbre e per trattare mal di testa e stato di raffreddamento. In Europa si diffuse nel XIX secolo e venne utilizzata per gli stessi scopi. A partire dal XX secolo, in Italia vennero piantate piante di Eucalipto per bonificare le zone malariche. Oggi sono diffuse in alcune regioni del Centro e Sud Italia.

Goji

(Lycium barbarum)

Le bacche di goji sono frutti conosciuti da secoli per le loro proprietà benefiche, ma solo di recente utilizzati a livello cosmetico. In particolare la cosmesi antiage ha iniziato a farne largo uso riconoscendo le proprietà antiossidanti e protettive cutanee di queste preziose bacche. Sono ricchissime di polisaccaridi (ne contengono più di 40 tipi), ad azione immunostimolante e antiossidante. I carotenoidi, come la zeaxantina o il β-carotene, sono responsabili del colore rosso-arancio delle bacche e svolgono la funzione di antiossidanti e protettivi. Inoltre contengono anche altri costituenti benefici come la vitamina C e suoi precursori (antiossidanti e antiradicali liberi), molti minerali (reidratanti), acidi grassi essenziali (indispensabili per mantenere le caratteristiche cellulari), lignani e flavonoidi (antiossidanti).

L’azione antiossidante riconosciuta con cui le bacche di goji combattono il danno ossidativo causato dai radicali liberi e proteggono la struttura cellulare è attribuita alla presenza di carotenoidi, flavonoidi, polisaccaridi e vitamina C.

Curiosità

  • Le bacche di goji provengono dal Tibet e dalle regioni settentrionali e occidentali della Cina.
  • Da secoli utilizzate dalla medicina tradizionale cinese per molteplici scopi e considerati un vero e proprio elisir di lunga vita.
  • Vengono definite “superfrutti” perché ricchissimi di antiossidanti e di nutrienti essenziali.

JOJOBA (Simmondsia chinensis)

L’Olio di Jojoba è in realtà una cera liquida, ricavata dalla spremitura a freddo del frutto di Simmondsia chinensis. È un olio nutriente e leggero, non unto, facilmente assorbibile, quindi ideale anche in caso di pelle mista o grassa. È versatile perché rigenera la pelle, nutrendo quella secca ed equilibrando quella grassa, grazie all’azione sebo-regolaratrice.

Penetra a fondo nell’epidermide, donando elasticità e morbidezza e riducendo la perdita di acqua dai tessuti, agendo da umettante. Rimuove le ostruzioni dei follicoli piliferi, evitando l’accumulo di sebo. Svolge un’azione antiossidante contro i radicali liberi e combatte i segni del tempo. Contiene vitamine, minerali e sostanze simili al collagene. Aiuta a regolarizzare il pH, stimola la circolazione cutanea, rendendo la pelle luminosa.

KARITÈ (Butyrospermum parkii)

Il burro di Karité è dermo-affine e dermo-compatibile, è ricco di acidi grassi, insaponificabili, vitamina A e vitamina E. Ha un’azione antiinfiammatoria e riparatrice sulla pelle rovinata, screpolata e promuove i processi di rigenerazione cellulare. Protegge dagli agenti atmosferici, dal freddo, dagli sbalzi termici. Nutriente ed elasticizzante.  Stimola la produzione del collagene e migliora l’elasticità della pelle, quindi ha un’ottima azione antirughe.

Curiosità

  • Da sempre segreto della bellezza delle donne africane, conosciuto come “albero della giovinezza” perché rallenta l’invecchiamento cutaneo e protegge la pelle, mantenendola elastica.
  • Il burro di Karité si ottiene spremendo a freddo i semi dei suoi frutti, senza l’uso di solventi. La raccolta e lavorazione dei semi dell’albero di Karité è generalmente affidata alle donne africane che ne conservano intatta la tradizione.

Olio di oliva

Ha un ottimo potere emolliente, elasticizzante e protettivo, grazie agli acidi grassi (monoinsaturi, saturi e poli-insaturi) di cui è ricco (acido oleico 63-83%; linoleico; palmitico; palmitoleico; stearico; linolenico). Soprattutto gli acidi grassi essenziali che non possono essere sintetizzati dalla pelle, devono essere apportati dall’esterno, quindi l’Olio di Oliva è ideale per proteggere la struttura di pelle e capelli.

Ha un’azione antiossidante contro l’invecchiamento dovuto ai radicali liberi poiché un ottimo patrimonio in composti antiossidanti (caronenoidi, come il β-carotene – precursore della vitamina; tocoferoli; fenoli e polifenoli; squalane).

La frazione di insaponificabili (tra cui squalene, β-carotene, polifenoli, tocoferoli) ha una struttura sebo-affine, che rende l’olio di oliva in toto un olio dermo-affine, ideale per proteggere la pelle, ripararla e ripristinare il naturale film idrolipidico.

Proprio grazie alla sua caratteristica di essere un olio dermo-affine veicola anche molto bene gli altri principi attivi contenuti nei cosmetici.

Curiosità

  • Da sempre utilizzato in tutto il bacino del Mediterraneo per scopi alimentari, cosmetici e curativi. Nell’Antica Grecia così come in Palestina vennero emanate leggi a protezione degli alberi di ulivo.
  • L’olio di Oliva è stato utilizzato nell’antichità, nel Medioevo e nei secoli successivi per le sue qualità mediche, tanto che è presente negli scritti della Scuola Medica Salernitana.
  • Gli atleti greci si cospargevano di olio di oliva prima dell’attività fisica per meglio sfuggire all’avversario e per godere dei benefici dei fenoli contenuti nell’olio che hanno un’azione antiinfiammatoria; dopo avere svolto l’attività fisica per ritemprare le membra.
  • Polibio narra che i cartaginesi di Annibale vinsero la battaglia sul fiume Tebbia (218 a.C.) contro i Romani, perché gli africani prima dello scontro nelle acqua del fiume in una rigidissima giornata invernale, si erano protetti (e impermeabilizzati) la pelle con l’olio di oliva.

Olio di semi di lino

 È un olio ideale per trattare la pelle e i capelli secchi poiché ricchissimo di nutrienti e composti chimici funzionali, come Omega3 e Omega 6, fibre, fenoli, proteine, carboidrati, minerali e vitamine.

Rispetto ad altri oli, il lino spicca per l’alto contenuto di acido α-linolenico, acido grasso essenziale del gruppo degli Omega3, componente essenziale del buon funzionamento delle membrane cellulari, e per essere la più ricca fonte vegetale di lignani, fenoli ad azione antiossidante.

Apporta minerali (fosforo, magnesio, potassio) e vitamine (la Vitamina E è presente come γ- tocoferolo, ad azione antiossidante e protettiva per le cellule).

Essendo ricco di acidi grassi essenziali e proteine di alta qualità, contrasta la secchezza e ristruttura i capelli danneggiati.

Curiosità

  • L’origine del Lino è molto antica. Era coltivato fin dal 5000 A.C in Mesopotamia ed è stato utilizzato fin ai giorni nostri per lo più per la fabbricazione di vestiti o carta.

Salvia (Salvia officinalis)

Ha un’azione antibatterica, cicatrizzante, regola la traspirazione. Utile per regolarizzare la produzione eccessiva di sebo.

Rosmarino (Rosmarinus officinalis)

Azione antietà e antisettica. L’Acqua di Rosmarino si utilizza sulle pelli grasse e impure o per i capelli grassi e con forfora come seboregolarizzante. Sui capelli ha un’azione rinforzante, utile in caso di caduta. Coadiuvante nei trattamenti anticellulite. Riattiva la microcircolazione, ha proprietà antiossidanti, quindi è indicato nei trattamenti anti età e antirughe.

Curiosità

  • Diffuso in tutto il Mediterraneo, il Rosmarino era spesso utilizzato nei rituali religiosi e civili in tutto il mondo antico. Già nel XVIII secolo era riconosciuto come erba medicinale per le sue proprietà terapeutiche.
  • A livello cosmetico, è sempre stato utilizzato per le proprietà anti età.
  • Nota è la leggenda dell’Acqua della Regina di Ungheria, un’acqua floreale di Rosmarino donata nel 1307 da uno speziale alla settantenne Isabella, sovrana di Ungheria, affetta da gotta. L’acqua fece riacquistare alla sovrana salute e bellezza tanto che il Granduca di Lituania la chiese in sposa. Lei rifiutò il matrimonio per amor di Dio, a cui aveva chiesto di ritrovare la salute. La leggenda, per quanto affascinante, è falsa. La Storia ci dice che all’epoca il re era un Angiò e Isabella Regina di Ungheria è vissuta duecento anni dopo, senza soffrire di gotta. Però, dalla nascita della leggenda in poi, la ricetta dell’Acqua della Regina di Ungheria si diffuse e nei secoli è rimasta uno dei segreti di giovinezza e di bellezza femminili.

Tea Tree – Albero del Tè (Melaleuca Alternifolia)

Olio essenziale antisettico, antibatterico, antimicotico, antiinfiammatorio e antivirale. Rinfrescante in caso di prurito (punture di insetto, forfora), indicato per le pelli e i capelli grassi, in caso di acne o forfora, per purificare e riequilibrare cute e epidermide.

Curiosità

  • Gli aborigeni Bundjalung, abitanti delle regioni orientali dell’Australia, utilizzano da sempre le foglie di Melaleuca Alternifolia a scopo medico per le sue tante proprietà benefiche. Quando Capitan Cook arrivò nel continente australe, rinominò la pianta “Albero del Tè (Tea Tree)” perché gli aborigeni Bundjalung bevevano degli infusi preparati con le foglie di Melaleuca Alternifolia. In seguito, anche l’equipaggio di Capitan Cook iniziò a usare la pianta per la preparazione del tè e per distillare un tipo di birra. La prima letteratura scientifica sulle proprietà mediche del Tea Tree risale al primo ventennio del ‘900. Oggi si riconoscono alla pianta proprietà antisettiche, antibatteriche, antimicotiche, antiinfiammatorie e antivirali.